Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Supply Chain & Procurement

Supply Chain & Procument è la unit che produce annual e corsi di formazione per 25.000 manager dell’area Acquisti, Supply Chain & Operations. Gli appuntamenti più attesi sono il CPO – Chief Procurement Officer – forum che riunisce il network dei Direttori Acquisti e il Connected Manufacturing, evento di riferimento per l’industria Manufacturing 4.0.

TAG: Acquisti, Certificati di Origine, Dogane, Import-Export, Incoterms, Logistica, Manufacturing, Operations, Process Excellence, Procurement, Produzione, Global Supply Chain


Sales Team 06.845411
eventi realizzati
Connected Manufacturing Forum Milano, dal 24 ottobre 2018 al 25 ottobre 2018 cmf.businessinternational.it -100 giorni all'evento save the date
1
eventi realizzati
Operazioni commerciali su mercati esteri Milano, 20 settembre 2018 -66 giorni all'evento save the date
La selezione e valutazione dei fornitori Milano, 26 settembre 2018 -72 giorni all'evento save the date
Project Financing e Partenariato Pubblico Privato per finanziare investimenti pubblici Roma, dal 27 settembre 2018 al 28 settembre 2018 -73 giorni all'evento save the date
1 | 2 | 3

News & Media

Agricoltura: il “green dream” d’Italia

Fatturato ed export in crescita, boom di specializzazioni all’università e massime opportunità anche per giovani e donne. L’agricoltura piace e traina l’economia italiana, sarà anche per l’idea sempre di moda della bella cornice verde, lontana da caos e inquinamento.

Se una volta per gli europei c’era il sogno americano, la speranza di farsi da sé in un mondo nuovo e pieno d’opportunità, oggi questo sogno sembra svanito: causa crisi e globalizzazione ogni fuga pare inutile, o comunque molto difficile. Il “green dream”, il sogno verde di ritorno alle origini contadine, è invece ancorato su basi sempre più solide. Perché l’agricoltura è un business quanto mai attuale e per molti la risposta a disoccupazione e licenziamento.

Crescita netta e record di esportazioni
L’agricoltura è da tempo l’unico settore in crescita. L’ultimo rapporto Istat del primo trimestre 2013 sancisce il settore come unico in grado di segnare sia un aumento del valore aggiunto in termini congiunturali (+4,7 %) che tendenziali (+0,1 %), e questo nonostante il calo del 3,7% dei consumi alimentari. Secondo lo Short-Term Agricultural Outlook 2014, ovvero il rapporto sulle prospettive di breve termine, il raccolto di cereali italiani porterà le scorte a crescere a fine anno al 12,2%, rispetto al 10,3% del 2013. L’export potrebbe raggiungere livelli record (37 milioni di tonnellate). Anche la produzione di carne di manzo e maiale è prevista in rialzo nel 2014. Il settore lattiero-caseario è pure in crescita, ma il vero boom si attende per il 2015, quando finirà il sistema delle quote latte e si avranno nuove opportunità di esportazione nei mercati mondiali, in particolare per il latte in polvere e i formaggi.

La vera opportunità sta nel bio
Nonostante la crisi, l’Italia registra un aumento dell’8,8% dei consumi di prodotti biologici, secondo i dati dell’Associazione italiana per l’agricoltura biologica (Aiab). Siamo primi in Europa per esportazioni, con quasi 50mila operatori impegnati nella produzione, 1,2 milioni di ettari di terreno occupato e un giro di affari complessivo di oltre 3 miliardi di euro. Comprano bio italiano soprattutto i tedeschi, ma anche la domanda interna segna un tasso di crescita paradossalmente più notevole durante la crisi economica (+7,8% della media annua) che negli anni precedenti (+3% del 2008-2009). Il fatturato di negozi specializzati, grande distribuzione, vendite dirette in aziende agricole, gruppi d’acquisto, ristorazione e altri canali di filiera corta è stimato in circa 2.011 milioni di euro. Lo conferma un’indagine Eurispes: se restano fermi i consumi di alimenti tradizionali, crescono i biologici. Il 70% degli italiani afferma di acquistare almeno il 20% di prodotti di origine biologica (di questi il 71% lo fa per la salute, il 46% per l’ambiente, il 40% per il gusto, il 20% per il benessere degli animali). Il 77,6% degli italiani sceglie “Made in Italy”, e il 46,4% acquista spesso prodotti Dop-Igp-Doc.

C’è posto anche per le donne
Può darsi che l’agricoltura premi il merito più della tradizione, ma sta di fatto che – come ricorda Coldiretti per la Festa dell’8 marzo – sono 227.894 le imprese agricole guidate da donne in Italia, quasi una su tre (dati Unioncamere del 2013).

I sostegni delle Regioni per le start-up agricole
Ma l’aspetto ancora più interessante di tutta questa storia è che l’agricoltura è un’attività sostenuta. Molte regioni puntano ad agevolare l’avvio di attività piccole o medie, che riguardino agricoltura o attività affini, come viene descritto nel dettaglio a ogni link: Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Puglia

Fonte: www.wired.it

... continua
La grande recessione: 2008 – 20..??

Il ruolo delle catene globali di produzione nella trasformazione del modello di creazione del valore

A cura di
Daniele Langiu, Francesco Morello, Fabio Sdogati

Sono ormai passati quasi sei anni dal famoso 9 agosto 2007, giorno in cui BNP Paribas ha annunciato la mancanza di liquidità di tre dei suoi fondi di investimento, motivando tale scelta come la conseguenza necessaria della scarsa liquidità in certi segmenti del mercato delle cartolarizzazioni statunitensi che rendeva impossibile valutare correttamente certi titoli. Quest’annuncio, che ha segnato l’inizio della crisi finanziaria statunitense, si è trasferito presto al mondo delle imprese non finanziarie. In tal modo la crisi finanziaria è divenuta crisi dell’economia reale dell’economia statunitense e, data l’elevata connessione internazionale dei mercati reali e, ancor di più, dei mercati dei capitali, la crisi iniziata negli Stati Uniti si è propagata a livello globale, in primo luogo in Europa, ed in particolar modo tra i paesi dell’Eurozona.

La prolungata recessione che ne è conseguita ha alla sua base una trasformazione del modello di accumulazione della ricchezza nelle economie a più alto reddito pro-capite. Più precisamente, stiamo assistendo ad un processo di deindustrializzazione e di finanziarizzazione di queste economie che ha luogo tramite la concomitanza di alcuni fattori:

  • La riduzione del rendimento delle attività industriali, non solo in termini assoluti, ma anche relativamente al rendimento delle attività finanziarie;
  • La frammentazione internazionale della produzione, intrapresa con l’obiettivo di ridurre i costi del processo produttivo;
  • Un nuovo modo di governare l’impresa che si allinea alla necessità di ‘creare valore per l’azionista’;
  • La progressiva deregolamentazione del settore finanziario e la trasformazione delle banche, specialmente quelle commerciali, da creditori dei progetti di investimento di medio-lungo termine delle imprese a gestori di patrimoni.

Al centro dell’economia reale c’è quindi un cambiamento paradigmatico dell’organizzazione del processo produttivo. Fino alla metà degli anni settanta abbiamo sperimentato un modo di produrre basato su un principio fondamentale: il processo produttivo era integrato nazionalmente. Questo modo di produrre è necessariamente entrato in crisi quando la riduzione dei costi di coordinamento di fasi del processo produttivo ha permesso di allocare tali fasi all’estero. Il processo che ha preso forma è quello della Frammentazione Internazionale della Produzione.

Con la formazione delle catene globali di produzione, il valore aggiunto nella produzione non è più direttamente associabile ad un unico paese. Il valore aggiunto delle esportazioni di un determinato paese è ‘aggiunto’ non solo da imprese del paese stesso ma anche da imprese localizzate all’estero. È possibile osservare che per quasi tutti i settori e per quasi tutti i paesi, si sia verificato un incremento della quota di valore aggiunto estero contenuta nelle proprie esportazioni. Questo ad indicare che è in atto un processo di allocazione internazionale della fasi del processo produttivo, il cui obiettivo è far svolgere ad un costo relativamente più basso fasi del processo produttivo prima svolte all’interno dei confini nazionali. In particolare sono aumentati i beni intermedi importati sul totale dei beni importati.

A questo punto, viene da domandarsi:

  • quali saranno le caratteristiche dello scenario globale in cui le imprese si troveranno a competere?
  • l’internazionalizzazione è ancora una scelta per le imprese o è una condizione necessaria per poter continuare a competere globalmente?

Alla luce della nostra interpretazione della crisi, queste sono le prospettive delineate.

In primo luogo, negli Stati Uniti, la ripresa in atto è debole e fragile, in parte per la recessione in cui si trovano alcuni paesi dell’Eurozona e per la debole e fragile crescita nei restanti paesi dell’unione monetaria, che finora erano stati considerati “immuni” dai problemi specifici dei primi. La debolezza della ripresa implica in primo luogo debolezza della domanda. Per le imprese ciò è destinato a tradursi in due tendenze: concentrazione dei settori industriali e ricerca di efficienza tramite innovazioni di prodotto e di processo; tra queste ultime, l'ottimizzazione della supply chain su scala globale svolgerà sicuramente un ruolo di primo piano e rappresenterà una delle principali fonti di vantaggio competitivo.

La debolezza della domanda aggregata e la persistenza di un elevato tasso di disoccupazione lasciano presagire che ci sia spazio per un intervento ulteriore in termini di politica monetaria – non preoccupiamoci della crescita del livello dei prezzi, dato che c’è così tanta capacità inutilizzata nel sistema produttivo – e, soprattutto, per un rinnovato intervento di politica fiscale, volto a stimolare la componente pubblica della domanda aggregata e ad accrescere l’occupazione tramite delle adeguate politiche industriali. Per le grandi imprese questo significherà un'inevitabile ingerenza nelle scelte strategiche da parte dello stato, e per le piccole un diverso contesto di incentivi e vincoli in cui operare le proprie scelte, in primo luogo quelle di internazionalizzazione.

Inoltre, nonostante il rinnovato ruolo della politica economica, l'interdipendenza dell'economia mondiale è oggi tale da non lasciar presagire alcuna inversione di tendenza nel processo di globalizzazione in atto da ormai diversi decenni. Qualsiasi scelta di politica economica dovrà ormai tenere conto, oltre che delle realtà locali, anche delle implicazioni del modello dell'impresa globalmente integrata, e i maggiori benefici di qualsiasi ulteriore intervento governativo nell'economia toccheranno sicuramente proprio alle imprese più internazionalizzate.

Infine, il processo di deindustrializzazione dell’economia statunitense e delle altre economie a più alto reddito pro-capite evidenzia che per le imprese industriali di tali paesi, se prima aveva luogo la competizione per allocare fasi del proprio processo produttivo nei paesi a basso reddito pro-capite, ora progressivamente la competizione è con l’emergente settore industriale di tali paesi. Le implicazioni della crescita di un settore industriale nelle economie emergenti da considerare anche come un’opportunità dal lato della domanda, dato che, tramite l’industrializzazione di tali paesi, aumenta il reddito pro-capite dei suoi residenti.

In questo scenario, dal punto di vista macroeconomico, le risposte dei responsabili di politica economica hanno seguito due percorsi differenti: mentre la politica monetaria è stata crescentemente e ininterrottamente espansiva sin dallo scoppio della crisi finanziaria con manovre convenzionali (riduzioni dei tassi di sconto) e non convenzionali (quantitative easing), i governi hanno adotta una politica fiscale espansiva nei primi mesi della crisi e restrittiva da fine 2009 in poi. Dal punto di vista imprenditoriale, è necessario, invece, sottolineare che il processo di deindustrializzazione e finanziarizzazione delle economie a più alto reddito pro-capite necessariamente sottrae risorse, in primo luogo profitti, al settore industriale.

Tali profitti, che progressivamente vengono distribuiti agli azionisti o utilizzati per l’acquisto di attività finanziarie, non possono essere più trattenuti dall’impresa per essere investiti nuovamente in essa. Per continuare ad essere profittevoli, è necessario internazionalizzarsi. La domanda a cui rispondere non è “se internazionalizzarsi oppure no”, piuttosto la domanda è “quando intraprendere un processo di internazionalizzazione”. I benefici di tale processo sono duplici: riduzione dei costi tramite la frammentazione internazionale della produzione e accesso ad un mercato in crescita, il che corrisponde ad una domanda aggregata di beni e servizi in crescita.

Ai responsabili della supply chain spetta oggi più che mai il compito di decifrare il contesto internazionale e di coglierne le opportunità, che pur in questa prolungata Grande Recessione di certo non mancano.
 

... continua
BusinessInternational.DataContext.View_VideoBusinessUnit
Michele Colombo

UPDATE ME

Per Maggiori informazioni Compila il form per essere ricontatta via email

Consenso dell’interessato al trattamento dei suoi dati personali

In relazione all’informativa privacy qui riportata per la iscrizione alla newsletter tematica l’interessato dichiara di acconsentire al trattamento dei suoi dati personali da parte di Fiera Milano Media Spa – Business International per finalità di:


a) invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali tramite sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, sulle manifestazioni fieristiche di suo interesse e sui servizi e prodotti del medesimo Titolare, di altre società del Gruppo Fiera Milano e di terzi (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche a cui partecipa il medesimo Espositore od operanti anche in altri settori):


Sì, acconsento *
No, non acconsento

b) comunicazione e/o cessione dei dati personali o delle informazioni ad altre società del Gruppo Fiera Milano (indicate nell’informativa) ed altri soggetti (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri settori evidenziati nell’informativa) per loro autonomi trattamenti a fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali di loro prodotti e servizi attraverso le modalità automatizzate sopra indicate:

Sì, acconsento
No, non acconsento

Accettare l'informativa sulla privacy

Informativa sul trattamento dei dati personali - Art. 13 del Regolamento (UE) 679/2016

Nel rispetto della normativa sulla privacy (Regolamento (UE) 679/2016 – Regolamento Generale Protezione Dati Personali, in seguito “RGPD”), desideriamo informare l’interessato che l’indirizzo e-mail e gli altri dati personali (nome, cognome, società) forniti con la compilazione del presente form, contrassegnati come obbligatori, sono necessari per l’iscrizione alla newsletter tematica di Fiera Milano Media Spa – Business International ed in loro mancanza non potrà essere completata la procedura di iscrizione a tale newsletter. L’indirizzo e-mail e gli altri dati personali così acquisiti sono trattati da Fiera Milano Media Spa – Business International (Titolare del trattamento) con procedure informatizzate e modalità idonee ad assicurare la corretta gestione del servizio richiesto e dei connessi adempimenti normativi. I dati sono conservati presso Fiera Milano Media Spa – Business International per i tempi previsti dalla normativa vigente di riferimento e sono protetti con adeguate misure di sicurezza, nel rispetto degli standard richiesti in materia di riservatezza dei dati e segretezza delle comunicazioni. Il trattamento dei dati è affidato a dipendenti e collaboratori appositamente autorizzati da Fiera Milano Media Spa – Business International nell’ambito delle funzioni e degli uffici preposti. I dati potranno essere, inoltre, comunicati ad altre società del Gruppo Fiera Milano ovvero terze che, in qualità di responsabili, supportano il Titolare del trattamento nella fornitura dei servizi sopra indicati (l’elenco aggiornato di tali soggetti è richiedibile per e-mail all’indirizzo info@businessinternational.it L’indirizzo e-mail fornito per l’iscrizione alla newsletter potrà essere utilizzato dal Titolare per l’invio oltre che della medesima newsletter anche di comunicazioni relative a manifestazioni e servizi analoghi. L’interessato può opporsi, in ogni momento (subito o anche successivamente), all’invio di tali comunicazioni, inoltrando dalla Sua casella di posta elettronica un messaggio di opposizione alla casella privacy@businessinternational.it Previo consenso dell’interessato (da rilasciare tramite le apposite caselle da selezionare), l’indirizzo e-mail e gli altri dati personali od informazioni ove riferite a società, enti od associazioni possono essere inoltre trattati dal Titolare per finalità di: a) invio anche tramite sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali sulle manifestazioni fieristiche di suo interesse e sui servizi e prodotti del medesimo Titolare, di altre società del Gruppo Fiera Milano e di terzi (organizzatori, espositori, operatori coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri settori); b) comunicazione dei dati personali o delle informazioni ad altre società del Gruppo Fiera Milano, Fiera Milano Nolostand, Fiera Milano Congressi, Fiera Milano Media ed altri soggetti (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri ambiti settoriali (Commercio, Consulenza, Manufatturiero, Infrastrutture, Marketing e Servizi di Pubblicità, Tecnologie delle Informazioni, delle Comunicazioni, Utilities, Multinazionali, etc.) per loro autonomi trattamenti a fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali di loro prodotti e servizi attraverso le modalità automatizzate sopra indicate. Per le ulteriori finalità appena indicate, il rilascio dei dati è comunque facoltativo e non ha conseguenze sulla iscrizione alla newsletter tematica, ed i dati saranno comunque gestiti mediante procedure informatizzate a livello di Gruppo (con elaborazione dei dati secondo criteri relativi, ad esempio, ad attività imprenditoriale, lavorativa, professionale o di altro tipo, aree geografiche, tipologia manifestazioni/servizi fruiti, ecc.) e potranno essere conosciuti, all’interno delle strutture delle società del Gruppo Fiera Milano, da personale a ciò autorizzato e da società di fiducia che, quali responsabili del trattamento, svolgono per nostro conto alcune operazioni tecniche ed organizzative strettamente necessarie per lo svolgimento delle suddette attività (quali, ad es., società specializzate per attività di informazione e promozione commerciale, per ricerche di mercato e per indagini sulla qualità dei servizi e sulla soddisfazione: v. l’elenco aggiornato disponibile presso la ns. Società). In ogni momento l’interessato potrà accedere ai propri dati personali ed eventualmente chiederne la rettifica o integrazione se inesatti od incompleti, la cancellazione dei dati, la limitazione del trattamento o la portabilità dei dati ove ne ricorrano i presupposti, ovvero opporsi al loro uso per fini di marketing diretto, nonché revocare il consenso ove rilasciato (v. artt. 15-22 del RGPD), rivolgendosi Fiera Milano Media Spa – Business International con sede operativa in Via Rubicone 11 - 00198 Roma – privacy@businessinternational.it L’interessato può altresì presentare reclamo al Garante privacy, ove ritenga che siano stati violati i Suoi diritti in relazione al trattamento dei dati personali che lo riguardano.

CALL ME BACK

Inserisci i tuoi dati se vuoi essere contattato telefonicamente
Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 – Regolamento Generale Protezione Dati (RGPD)
Accettare l'informativa sulla privacy

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI DEGLI UTENTI


Nel rispetto del Regolamento (UE) 679/2016 – Regolamento Generale Protezione Dati (RGPD), i dati personali forniti dall’Utente saranno trattati, in qualità di titolare, da Fiera Milano Media S.p.A. (“Fiera Milano”), con sede legale in P.le Carlo Magno, 1, c.a.p. 20149 Milano. In particolare, il conferimento dei dati richiesti all’Utente è necessario al fine di permettere la registrazione on line e fruizione dei servizi di Fiera Milano Media (newsletter, iscrizioni corsi, accesso documentazione etc.)
Il rilascio dei dati è necessario per l’attivazione ed erogazione dei servizi richiesti che, in assenza dei dati, non potrebbero essere fruiti dall’Utente.
Il trattamento dei dati avverrà con l’ausilio di strumenti automatizzati e l’impiego di idonee misure di sicurezza e i dati degli Utenti saranno convervati ex legge privacy.
privacy policy

I dati comunicati dall’Utente potranno essere trattati dal personale autorizzato che si occupa del sito e dei connessi servizi, e comunicati ove necessario, a: soggetti cui la facoltà di accedere ai dati sia riconosciuta da disposizioni di legge o da ordini delle autorità; società appartenenti al medesimo gruppo societario di cui fa parte Fiera Milano Media S.p.A. e soggetti esterni che svolgano funzioni connesse e strumentali all’operatività del servizio, come, a puro titolo esemplificativo, la gestione del sistema informatico, l’assistenza e consulenza in materia contabile, amministrativa, legale, tributaria e finanziaria.
Fiera Milano Media S.p.A. potrà inoltre, se autorizzata, comunicare i dati ad aziende che ne facciano richiesta per scopi pubblicitari e di marketing.
Un elenco dettagliato dei predetti soggetti è disponibile presso Fiera Milano Media S.p.A. I soggetti destinatari dei dati che li trattano per conto di Fiera Milano sono designati quali responsabili del trattamento con apposito contratto. I dati non sono comunque oggetto di trasferimenti verso paesi terzi al di fuori della UE. I dati dell’Utente potranno essere inoltre trattati da Fiera Milano Media, previo suo consenso, per le seguenti, ulteriori finalità:
  • a) invio di newsletter ed altre comunicazioni per posta, telefono, sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, su servizi e prodotti di Fiera Milano Media, delle società del Gruppo Fiera Milano e di società terze;
  • b) comunicazione dei dati alle società del Gruppo Fiera Milano, nonché ad altre società, quali (Commercio, Consulenza, Manufatturiero, Infrastrutture, Marketing e Servizi di Pubblicità, Tecnologie delle Informazioni, delle Comunicazioni, Utilities, Multinazional, etc) per loro autonomi trattamenti, quali titolari, per le finalità e con le modalità di cui alla precedente lett. a).
Per le finalità sopra descritte, il conferimento dei dati è comunque facoltativo e non ha conseguenze sulla registrazione e fruizione dei servizi da parte dell’Utente, che ha comunque il diritto a revocare il/i consenso/i dallo stesso precedentemente rilasciato/i (senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca). In base agli artt. 15-22 del RGPD, l’Utente ha il diritto di chiedere a Fiera Milano Media S.p.A., ai recapiti sopra indicati info@businessinternational.it di accedere ai propri dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, di ottenere la portabilità dei dati forniti solo se oggetto di un trattamento automatizzato basato sul consenso o sul contratto, nonché di opporsi per motivi legati alla propria situazione particolare e comunque per marketing diretto. L’Utente ha inoltre il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali ove ritenga che siano stati violati i Suoi diritti in relazione al trattamento dei dati che lo riguardano.